Mongolfiere sopra Teotihuacan

Le migliori esperienze da fare in viaggio


I veri esploratori sanno che un viaggio non è fatto solo di luoghi, ma sono le esperienze che lasciano i ricordi più belli ed indelebili. Sei italiani su dieci preferiscono regalarsi un’esperienza di viaggio piuttosto che un bene materiale. Se anche tu rientri in quella percentuale, sei nel posto giusto.

Per la poetessa Anna Carson, ‘l’unica regola di un viaggio: è non tornare come sei partito’; come puoi farlo? Regalandoti emozioni: entra in contatto con le popolazioni locali, vivi come loro e lasciati consigliare, questo è il primo passo per entrare nel mondo del turismo esperienziale.

Da sempre l’uomo viaggia, anche per necessità interiore, ma solo negli ultimi tempi si sta tornando alla consapevolezza che per scoprire, occorre unire al ‘vedere’ anche il ‘fare’. Vediamo quali sono le esperienze più interessanti da fare in un viaggio per renderlo indimenticabile.

Prendere un treno notturno per il Circolo Polare Artico

Treno su ponte al circolo polare Artico

 

Se l’aurora boreale rientra nella tua Bucket List, quello che fa per te è l’Artic Circle Train. Solo il viaggio è di per sé un’esperienza da fare: un treno notturno dotato di tutti i comfort ti porterà da Stoccolma alla Lapponia. Starà a te scegliere se sperimentare il sole di mezzanotte a Kiruna, vedere l’aurora boreale ad Abisko o bere un ottimo caffè norvegese a Narvik.

Le possibilità non mancheranno: l’estate è perfetta per i trekking nel Parco Nazionale di Abisko dove poter incontrare la popolazione locale dei Sami; mentre l’inverno ti conquisterà con le escursioni sulle caratteristiche slitte trainate da cani. È il momento di pensare all’alloggio: hai mai pensato di dormire in un hotel completamente fatto di ghiaccio? All’Hotel Ice di Kiruna, potrai realizzare il tuo sogno. Un’esperienza incredibile, basta coprirsi bene!

Imparare il rito del tè nel deserto del Sahara

Te nel Deserto

Il tè in Marocco è il simbolo dell’ospitalità ed è così sentito da avere una vera e propria cerimonia, chiamata Atay Naa Naa. Un’esperienza da non perdere è proprio quella di bere un bicchiere di tè sotto le stelle del deserto del Sahara. Le foglie di tè verde si mescolano con menta nanà e molto zucchero, ad ogni ora della giornata, poiché è un’occasione di riunione e conversazione.

Questo rituale è scandito da gesti abili che accompagnano la preparazione della bevanda alla speciale tecnica con cui viene versata nei bicchierini di vetro: la teiera viene tenuta in alto a 40 centimetri per consentire l’ossigenazione del tè e la formazione di un sottile strato di schiuma sulla superficie. Immagina di essere tra le dune del deserto, in un accampamento berbero, sotto un cielo stellato, stai sorseggiando il tuo tè; credi sia possibile dimenticarsi una nottata come questa?

Percorrere la Carretera Austral, la strada più spettacolare al mondo

Carretera Austral

C’è chi la percorre a piedi, chi in bici o addirittura chi decide di compiere il viaggio in autostop, ma al di là del metodo, la Carretera Austral è una di quelle esperienze da fare almeno una volta nella vita. La Ruta CH-7 è una continua meraviglia: dai fiordi ai vulcani, fino alle imponenti catene montuose. Il Cile, tra Puerto Montt e Villa O’Higgis, ospita dagli anni ’90 questo percorso che si snoda per 1300 km tra paesaggi incredibili.

Lungo la strada è possibile fare rafting lungo il fiume Futaleufù, o intraprendere uno dei molti trekking sulle Ande, verso la Reserva Nacional Cerro Castillo. Se hai uno spirito avventuriero, questo è il viaggio adatto a te, e se ancora non sei soddisfatto, potrai spingerti un po’ più a sud. Benvenuto ad Ushuaia, il capoluogo della Terra del Fuoco, nonché il centro abitato più a sud del mondo.

Percorrere il Cammino di Santiago de Compostela

Pellegrini sul cammino di Santiago di Compostela

Il Cammino di Santiago non per forza deve assumere una valenza religiosa; c’è chi lo compie per motivi spirituali, chi per ritrovare sè stesso e chi ha semplicemente voglia di fare una camminata immerso nella natura. Non ne esiste solo uno, e anche se il più conosciuto è il Cammino Francese, ad esso si accostano quello Portoghese, quello Inglese e quello del Nord, solo per citarne alcuni.

Cosa li accumuna? Il fatto che, anche se dovessi decidere di partire in solitaria, al termine del percorso ti ritroverai con una nuova famiglia al tuo fianco. Ad ogni passo sarai circondato da persone con una storia da raccontare, il tutto con lo sfondo mozzafiato che offrono i paesaggi della Galizia o delle mesetas. Il Cammino è un’esperienza unica e al momento di ricevere la Compostela, il certificato che attesta che avete percorso almeno 200 chilometri, starai già programmando il prossimo!

Scalare la Table Mountain a Cape Town

Table mountain a Cape Town

Il Sudafrica è di per sé un’esperienza unica, se quello che ami sono i trekking e le scalate, allora la Table Mountain ti aspetta. La montagna dalla caratteristica forma piatta, è talvolta coperta dalla ‘tovaglia’, la coltre di nubi che la avvolge proprio come fosse un telo. Per raggiungerne la vetta potrai scegliere tra due opzioni: la funivia o i sentieri da percorrere a piedi.

Ce ne sono diversi, divisi in base alla difficoltà; il più utilizzato è il Platterklip Gorge, che con i suoi 960 metri di dislivello, ti terrà impegnato per circa quattro ore. La Table Mountain è una delle sette meraviglie del mondo moderno e conta 2200 specie di piante e 1470 specie floreali. Si può considerare una terrazza naturale sulla città, dalla quale si può avere una vista a 360° su tutta Cape Town.

Fare un ritiro del silenzio in Thailandia

Monaco in meditazione

I viaggi non sono fatti solo di luoghi, avventure e camminate. Un ritiro meditativo può essere un modo per esplorare anche se stessi. La meditazione in Thailandia è una pratica molto diffusa e i monasteri ospitano molti viaggiatori che vogliono sperimentare le due pratiche più comuni: la Vipassana e la Samatha. Regole rigide e silenzio, scandiranno le tue giornate e saranno un nutrimento per la tua anima in cerca di pace.

Non sarà semplice staccarti dalla tecnologia, dalle comodità quotidiane e da tutti i comfort, ma il tuo spirito ti ringrazierà. Tra templi e isole incontaminate, un’altra delle cose da non perdere è il tradizionale massaggio thailandese. Nasce dalla fusione della medicina cinese con l’ayurveda e insieme ad una buona meditazione, ti aiuterà a prenderti cura di se stesso.

La Foresta Amazzonica e le sue piante mistiche

Cerimonia dell'ayahusca in Amazzonia

Il ‘turismo sciamanico’ si sta sempre più diffondendo nella regione Amazzonica (Colombia, Brasile, Perù). In particolare per quanto concerne quei rituali tipici dei curanderos sudamericani. Queste figure sono tipiche della cultura amazzonica da molti secoli e hanno sempre avuto un ruolo molto importante nella scala sociale. Quello che ancora oggi si premurano di tramandare, è di come alcune piante, se utilizzate nel modo corretto e con le giuste intenzioni, possano curare il corpo e la mente.

Tra di esse spicca l’ayahuasca, la pianta sacra degli indios dalla quale si ricava una bevanda che ha lo scopo di riconnetterti con la Terra. È un’esperienza di viaggio all’interno del tuo spirito e non è assolutamente da considerarsi una droga, ma una medicina che ha lo scopo di curare le tue ferite interiori. Unica raccomandazione: affidati a sciamani reali e non ad agenzie turistiche.

Fare Immersioni in Egitto

Immersioni in Egitto e Mar Rosso

Ti piace il mare, ma stare tutto il giorno sdraiato sotto al sole ti annoia? Forse le immersioni sono il giusto compromesso. Il diving è una delle esperienze di viaggio più divertenti e ti permette di esplorare un mondo parallelo a cui non tutti hanno accesso. Ci sono moltissimi luoghi al mondo dove poter praticare quest’attività: dai cenotes messicani fino ai relitti sommersi in Indonesia, dalle coste malesi del Borneo, alla grande barriera corallina australiana.

L’Egitto però offre una varietà unica. Ad Hurgada o Marsa Alam è possibile tuffarsi nelle acque del Mar Rosso ed ammirare la barriera corallina, con tartarughe, mante e pesci tropicali. Il mare egiziano consente una visuale eccellente, una temperatura dell’acqua perfetta e una trasparenza senza eguali. Fare immersioni non è solo un fattore positivo per la salute, ma ti permette di conoscere quel mondo sommerso ricco di fascino e di infinita curiosità.

Partecipare al Carnevale di Rio

Donne al carnevale di Rio de Janeiro

Le feste sono sempre un’occasione per fare un’esperienza tra le tradizioni locali di un posto. Se il Dia del los Muertos è il modo migliore per entrare in contatto con la cultura messicana, il Carnevale è perfetto per quella brasiliana. Dal 1840, ogni anno, persone provenienti da tutto il mondo, affollano le vie di Rio de Janeiro per partecipare alla famosa sfilata.

I ballerini di samba si sfidano a suon di musiche caraibiche, con i loro costumi colorati. Dal 1993, in seguito al gemellaggio, anche l’italiano carnevale di Cento sfila al Sambodromo accanto ai carri brasiliani. Questa festa rappresenta la joie de vivre di un popolo a cui non manca mai il sorriso sulle labbra.

Volare in mongolfiera a Teotihuacan 

Mongolfiere sopra Teotihuacan

Quando si parla di mongolfiera, viene subito in mente la Cappadocia, ma forse non tutti sanno che a Teotihuacan, in Messico, lo spettacolo non ha nulla da invidiare al più conosciuto turco. Hai mai voluto guardare le cose da un’altra prospettiva? Sali su quella mongolfiera e vola nel cielo per vedere dall’alto la magica cultura precolombiana.

Le piramidi del sole e della luna sono sotto i tuoi occhi e richiamano quello sfarzoso passato dove venivano adorati il Serpente Piumato e il dio della pioggia. Vedere tutto da questa visuale è insolito e fa apprezzare ancora di più la perfetta geometria delle antiche costruzioni.

Godersi l’alba ad Angkor Wat

Alba ad Angkor Wat

Situato a circa sei chilometri a nord della città di Siem Reap, in Cambogia, il complesso archeologico di Angkor si trova dove sorgeva l’antica capitale dell’impero Khmer, che si estendeva, nel suo apice, su gran parte del sud-est asiatico. Il complesso, con i suoi oltre 1500 chilometri quadrati è tra i siti archeologici più importanti e ben conservati dell’Asia. Il grande tempio del complesso – Angkor Wat, fu costruito all’inizio del XII secolo inizialmente come dimora spirituale del dio indù Vishnu, ma successivamente trasformato in un tempio buddista.

Con le sue magnifiche guglie in pietra antica, i bellissimi ornamenti e la silhouette pittoresca non c’è da meravigliarsi se Angkor Wat non è solo uno delle centinaia di templi della zona, ma un capolavoro della storia umana venerato abbastanza fortemente da essere sulla bandiera nazionale della Cambogia e sulle loro banconote. Osservare il sorgere del sole ed estasiarsi di fronte alla grandezza immensa di Angkor Wat è qualcosa che ogni viaggiatore dovrebbe provare almeno una volta nella vita.

 

Per caso ti è venuta voglia di partire? Cosa aspetti? Esci dalla tua comfort zone per una volta e intraprendi un viaggio dove le esperienze vengono prima di tutto il resto, perché alla fine, quello che conta davvero sono i ricordi e le emozioni che si provano durante il percorso.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Torna su