Come migliorare la comunicazione con il partner

Come migliorare la comunicazione in una relazione?


“Non puoi davvero ascoltare qualcuno e fare qualsiasi altra cosa allo stesso tempo.” Morgan Scott Peck

Adoriamo entrare in contatto con altre persone perché ci rende felici: la buona comunicazione è la chiave quando si tratta di un’interazione sociale positiva.

Avere di fronte l’altro e riuscire ad attuare un buon modello di comunicazione, è senza dubbio la prima regola per divenire persone assertive.

Ma come riconoscere una conversazione sana? Come evitare l’eccessiva comunicazione? E come puoi migliorare la comunicazione nella relazione con il partner?

In questa piccola guida scoprirai come migliorare la comunicazione in una relazione.

La premessa è che la comunicazione è un’arte difficile e l’impegno è al primo posto per un miglioramento delle relazioni.

La comunicazione è importante

Tutti abbiamo un forte bisogno di connettività e appartenenza. Questo è il motivo per cui le interazioni sociali positive aumentano il nostro benessere e forniscono una maggiore soddisfazione nella vita di tutti i giorni.

Le interazioni con le persone possono essere verbali o non verbali: possiamo persino connetterci l’un l’altro attraverso un sorriso. Spesso le interazioni non verbali sono più difficili da gestire rispetto a quelle verbali e sono più difficili da decodificare.

Un elemento vitale di un’interazione sociale positiva è una buona comunicazione. Ma cosa significa comunicare bene? Cosa significa essere assertivi?

Come riconosciamo una comunicazione sana?

Un modello di comunicazione di solito coinvolge un mittente, un destinatario e un messaggio (verbale o non verbale) che è codificato dal mittente e decodificato dal destinatario.

Include anche il feedback, la risposta del destinatario al messaggio e il rumore, che è qualcosa che può interrompere la comunicazione.

Come puoi vedere affinché una comunicazione funzioni le due parti devono impegnarsi.

La codifica si riferisce al mittente che trasforma i pensieri in messaggi trasmissibili. Il destinatario interpreta ciò che riceve come messaggio, sia le parti verbali che non verbali.

Anche se questo sembra semplice in teoria, come puoi immaginare molte cose accadono nel mezzo e nessun messaggio viene mai decodificato senza distorsioni.

Il modo in cui decodifichiamo un messaggio non è mai la realtà oggettiva. Ciò che rende il processo di comunicazione ancora più complesso è il fatto che il messaggio del mittente non è quasi mai solo un’informazione fattuale quindi a volte può essere difficile la decodifica.

Un esempio di comunicazione disfunzionale

Facciamo un esempio di comunicazione tra un marito e una moglie.

Una moglie che dice “il barattolo di sale è vuoto” potrebbe non voler dire solo che non c’è sale nel barattolo, ma una richiesta per il marito di andare a riempire il barattolo e quindi di fare l’acquisto.

Per renderlo ancora più complesso, come ricevitore tendiamo ad avere una delle quattro “orecchie” particolarmente ben addestrate (orecchio fattuale, orecchio relazionale, orecchio auto-rivelatore o orecchio di appello).

Quindi, se il marito ha un orecchio ben addestrato, potrebbe decodificare la frase in qualcosa del tipo “sei inaffidabile poiché hai dimenticato di riempire il barattolo di sale”, e potrebbe replicare con qualcosa del tipo, “Beh anche tu non sei molto affidabile, non hai ancora riparato la luce in cucina!”

Riconosci questo tipo di conversazione? Le cose si dipanano rapidamente quando non ci sentiamo e non sappiamo comunicare.

È importante capire che ciò che sentiamo potrebbe non essere ciò che l’altra persona stava cercando di ottenere.

Pensaci: qual è il tuo “orecchio” più sviluppato? Ad esempio, tendi a sentire un giudizio in ogni frase? O ti senti spesso interrogato?

In quale altro modo potresti aver interpretato il messaggio? Concentrati sui fatti reali del messaggio e usa le domande per chiarire se hai capito cosa l’altra persona stava cercando di dirti.

Cosa fare se non c’è comunicazione in una relazione?

Una delle più importanti abilità comunicative è l’ascolto. Rapporti profondi e positivi possono essere sviluppati solo ascoltandoci a vicenda (Weger, Castle e Emmett, 2010).

Se non c’è comunicazione nella tua relazione, forse nessuna delle due parti sta veramente ascoltando; forse stai solo cercando di dimostrare di avere ragione.

Non preoccuparti, puoi migliorare in questa arte e nelle prime fasi della tua relazione, dimostrando di voler davvero porgere ascolto al tuo partner.

Ci sono degli errori che però possiamo evitare di fare per rendere la comunicazione più efficace e molto più semplice.

Ecco gli errori di ascolto più comuni:

  • Fare qualcosa mentre la persona ci sta parlando, è un atto che non solo non ti permetterà di ascoltare ciò che ti viene detto, ma è poco rispettoso per la persona che hai di fronte
  • Pensare ad altro mentre la persona che hai di fronte ti sta parlando
  • Pensare già a una risposta
  • Giudicare ciò che l’altro ti sta dicendo
  • Ascoltare ma avere già bene in mente ciò che devi dire

L’ascolto attivo è un’arte che richiede un interesse genuino per l’altra persona, una curiosità piuttosto che una mente anticipatrice.

L’ascolto attivo prevede:

  • Coinvolgimento non verbale (mostra la tua attenzione)
  • Nessun giudizio
  • Tollerare il silenzio

Un esercizio di comunicazione che puoi fare con il tuo partner

Per ravvivare la comunicazione in una relazione, prova il seguente esercizio: La persona A riceve 10 minuti per parlare della sua giornata, mentre la persona B ascolta attivamente e con un interesse genuino.

Alla persona B è consentito porre domande di chiarimento, ma non deve interrompere la persona A.

Se c’è un silenzio, va bene. Rilassatevi.

Dopo che i 10 minuti della persona A sono scaduti (è necessario utilizzare tutto il tempo assegnato), anche la persona B parla per dieci minuti, mentre le stesse regole di ascolto si applicano alla persona A. Scoprirai che 10 minuti sono molto lunghi da ascoltare.

Potresti essere sorpreso dal modo in cui questo esercizio aggiunge valore alla qualità della tua relazione e della tua comunicazione. Potrebbe essere qualcosa che provi una volta alla settimana, come un modo intenzionale di praticare l’ascolto attivo insieme.

Come migliorare la comunicazione nelle relazioni di coppia?

Un’ottima tecnica per migliorare la comunicazione in qualsiasi relazione personale, si basa sulla volontà e sulla capacità di affrontare e percepire le questioni in modo non giudicante. Questo è importante perché ogni volta che vuoi “cambiare” qualcuno, creerai resistenza.

Questa tecnica è tratta da “La comunicazione non violenta” di Marshall B. Rosenberg.

È ottima per discutere di un problema che ti passa per la testa. Ad esempio, il tuo partner arriva in ritardo al vostro appuntamento e ti senti arrabbiato e deluso.

Per un esito positivo della conversazione, segui questi quattro passaggi:

  • Osservazione /Interpretazione / valutazione

Innanzitutto, prova a comunicare le tue osservazioni senza etichettarle o interpretarle. Se il tuo partner arriva in ritardo: è solo in ritardo.

La tua interpretazione potrebbe essere che l’appuntamento (o tu) non significhi molto per lui o che qualcos’altro fosse più importante.

È però utile aspettare un attimo prima di saltare a interpretazioni che non sono attribuibili senza una conversazione. Potresti solo dire: ”Ok eri in ritardo per il nostro appuntamento”.

Questa è un’osservazione fattuale senza alcuna valutazione.

  • Emozioni

In secondo luogo, è importante comunicare i propri sentimenti. Una discussione si sviluppa spesso da emozioni nascoste. Assicurati di comprendere le tue emozioni e di esprimerle in modo non giudicante.

Nel caso di un arrivo in ritardo, potresti dire “Mi sento infastidito”.

  • Comprensione

È necessario comprendere ed esprimere i propri bisogni. In tal modo, dai al tuo partner la possibilità di decidere se può e vuole capire di più. Ad esempio, potresti dire: “Vorrei essere trattato con considerazione e vorrei sentirmi importante per te”.

  • Richiesta

Il quarto passo è fare una richiesta chiara. Cosa deve fare il tuo partner per farti sentire che le tue esigenze sono state soddisfatte?

Il processo in quattro fasi è, come dice Rosenberg (2003), “semplice ma non facile” e ci vorrà del tempo per capirlo e metterlo in pratica.

All’inizio può sembrare goffo, ma scoprirai che con la pratica la tua comunicazione diventerà più chiara. Stai accettando il tuo partner con tutti i suoi difetti e gli stai chiedendo in modo non violento ciò di cui hai bisogno per essere felice.

Conclusioni

Le relazioni esistono tra due esseri umani emotivi che portano con sé esperienze, storia e aspettative passate: un bagaglio davvero pesante.

Due persone diverse hanno anche diversi livelli di abilità quando si tratta di comunicazione. Spesso anche una naturale richiesta di spazio all’interno di una relazione può risultare difficile da far capire alla persona che abbiamo al nostro fianco.

Il mito più popolare sulla comunicazione nelle relazioni è che quando parli con il tuo partner, comunichi. Mentre parlare con il tuo partner è davvero una forma di comunicazione, se si tratta principalmente di argomenti quotidiani e superficiali (“Come stavano i bambini?” “Com’è andato il lavoro?” “Come sta tua madre?”), non stai davvero comunicando su livelli importanti.

La comunicazione crea o interrompe la maggior parte delle relazioni. Puoi migliorare la tua relazione oggi, proprio ora, mettendo in pratica alcuni di questi suggerimenti per migliorare la comunicazione nella tua vita privata.

Quanto è difficile fare realmente quello che ci siamo detti? Più difficile di quanto sembri. Spesso abbiamo così paura di non essere ascoltati, che ci affrettiamo a continuare a parlare. Ironia della sorte, tale comportamento rende ancora più probabile che non ci sentiremo.

Ti sei mai trovato nella situazione in cui hai pensato fosse impossibile comunicare con il tuo partner? Quando magari il messaggio che volevi far arrivare è stato recepito nella maniera esattamente opposta?  Condividi la tua opinione nei commenti.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Torna su